L’hashish di Bitcoin sale a 119,8M terahashes

Bitcoin hashrate sta facendo una ripresa, ora in aumento del 12% rispetto ai 106 milioni del 3 novembre.

Altre macchine stanno andando online, e gli esperti suggeriscono che i minatori del Sichuan stanno probabilmente riprendendo le operazioni.

L’hascrate Bitcoin è in calo dall’ultimo mese, poiché la gente ha ipotizzato che i minatori cinesi abbiano spento le loro macchine per la migrazione. Tuttavia, la rete ha iniziato a riprendersi dal 3 novembre, dove l’hashish è sceso a 106,65 milioni di terahashes al secondo (TH/s), secondo Blockchain.com, l’esploratore della rete Bitcoin. Questo segnala che sulla rete sono stati attivati più minatori, forse i minatori cinesi hanno messo fine alla migrazione stagionale.

L’hascrate Bitcoin è cresciuto del 12%.

Secondo i dati forniti da Blockchain.com, il Bitcoin hashrate è cresciuto dai 106 milioni di terahashes di novembre al record attuale del 9 novembre di 119,8 milioni di terahashes. Questo rappresenta una crescita di circa il 12% di terahashes sull’hashish della rete nell’arco di sei giorni. Forse, l’aumento della potenza dell’hashish Bitcoin causerà un aumento delle difficoltà di estrazione della rete per bilanciare il tasso di produzione dei blocchi.

A seguito dell’aumento dell’hashish di Bitcoin, molti esperti del settore, tra cui Jason Deane, un analista di Quantum Economics, hanno suggerito che i minatori cinesi potrebbero tornare ad estrarre. Deane ha affermato che i minatori del Sichuan stanno riprendendo le attività da qualche altra parte, come nella Mongolia Interna e nello Xinjian, che fungono anche da centro minerario nel Paese.
Posti correlati
Previsione dei prezzi Bitcoin: BTC dovrebbe raggiungere i 20.000 dollari entro il 2021
Minatori Bitcoin per scambiare i picchi di flusso di oltre il 200%.
Capire la correlazione tra Joe Biden e Bitcoin
Previsione dei prezzi Bitcoin – BTC/USD persegue 16.000 dollari per celebrare i risultati delle elezioni negli Stati Uniti

L’estrazione di bitcoin in Cina

La provincia del Sichuan sembra detenere il maggior numero di attività minerarie in Cina. CoinShares ha rivelato che il Sichuan rappresenta circa il 54% delle attività minerarie Bitcoin in tutto il mondo. Così, l’hascrate Bitcoin ha iniziato a cadere in caduta libera quando i minatori della regione hanno iniziato a migrare verso altre regioni, man mano che la stagione secca si avvicinava. Tra le altre cose, la provincia del Sichuan era favorevole ai minatori grazie alla sua energia idroelettrica a basso costo.

A causa del calo dell’hascrate, la rete Bitcoin ha registrato un massiccio aggiustamento negativo della difficoltà di estrazione, che è stato il secondo più grande mai registrato dalla storia della Bitcoin.

Vielleicht interessiert dich auch…